Archivi categoria: Blog di Liber’Aria -scuola autogestita-

Attività anno Scolastico 2015-16

 

Carissimi amici,

è tempo di iscrizioni scolastiche e noi di Liber’Aria vorremmo fare, una volta per tutte, il punto della situazione per capire se vi siano i presupposti per avviare le attività nel prossimo a.s. 2015 – 2016, con i bambini in età scolare e non, quindi per avviare una programmazione didattica e la ricerca di una nuova sede.
Non stiamo a proporvi una ennesima riunione ma, un’attestazione di interesse reale, affinché si possa proseguire nell’intento che ha mosso i nostri passi sin dall’inizio e cioè di promuovere, sperimentare e sostenere un modo altro di fare “scuola”.
Se vuoi unirti al progetto, affrettati a prendere contatto con noi!
Grazie per l’attenzione.
Porzia, Giovanni e Giorgia.
100_3518

 

Scuola Libertaria

10153744_286905974837781_1013774940492566213_n

…La scuola, quella tradizionale, è semplicemente un colossale impianto industriale per mezzo del quale si distribuiscono, a chi vuole e a chi non vuole, dosi massicce di anestetico intellettuale, culturale, politico e morale. Il suo prodotto finito è quel cittadino-modello desolante, amorfo e malleabile che è disperatamente incapace di critica, di ribellione e di autoaffermazione.

Su questo punto vale la pena di insistere: il diventare un maneggevole e volenteroso suddito è cosa meritoria per la scuola. Il non diventarlo cosa biasimevole. Ne consegue l’opportunità di neutralizzare i recalcitranti e, prima di tutto, separarli dagli altri. Il sistema scolastico fa di tutto per tracciare una chiara linea di demarcazione fra l’area dei remissivi e quella dei sediziosi.

Il metodo con cui si arriva a questa selezione è quello delle graduatorie di merito. In base a queste i bambini vengono divisi in categorie: i migliori, quelli così così e recuperabili, e i peggiori, non recuperabili.

I migliori, quelli che dimostrano la loro attitudine a raggiungere la licenza, il diploma e poi la maturità e la laurea, sono i bene ammaestrati, gli indottrinati, i manipolabili, quindi i fidati. I peggiori, destinati palesemente a restare senza titoli, senza etichette, senza cultura codificata, diventeranno individui imprevedibili e quindi infidi. Si provvede dunque a incoraggiare i primi in tutti i modi e a respingere i secondi. Se vuole ottenere l’approvazione e il plauso degli adulti, il bambino è pertanto costretto a darsi da fare, in qualsiasi maniera, per entrare nella categoria degli eletti.

E’ così che nasce quel flagello scolastico che è la competizione. I compagni di scuola non sono più dei compagni, ma della gente da battere nella corsa verso il successo. un gioco stupido e disumanizzante che durerà per tutta la vita, che entrerà subdolamente a far parte della personalità del bambino e che lo porterà a diventare un miserevole scalatore sociale. Un gioco che sostituirà l’arrivismo al rapporto affettivo, la rivalità alla collaborazione, l’egoismo alla generosità’. (Marcello Bernardi)

tratto da http://scuolalibertaria.blogspot.it/

Didascalia lombarda

Facendo doposcuola in un centro famiglie, aiutando una bambina a fare i compiti di geografia mi sono imbattuto in questa didascalia:
“La rete stradale, autostradale e ferroviaria della regione è tra le più intense d’italia. Tuttavia è inadeguata alle esigenze del traffico di oggi. Attualmente è attiva l’alta velocità su ferrovia e sono in fase di realizzazione nuove superstrade e autostrade, come la “Brebemi”, una nuova autostrada tra Brescia, Bergami e Milano.”

La vera manipolazione non risiede in ciò che si dice, ma in ciò che viene omesso. Nelle opinioni e nelle idee che vegono rimosse dalla storia come se non fossero mai esistite.

La vera manipolazione sta nel presentare l’opinione della classe dominante come l’unica esistente, come la sola vertià, la sola realtà da prendere come assioma.

Io sogno una scuola differente. Giovanni

10847787_1507652269487732_2648372303917050350_n 10675532_1507652226154403_8211215655495262602_n 10410372_1507652256154400_7061594694798397195_n

 

La Domenica del Villaggio – Giornata Aperta delle realtà educative autogestite in Puglia

locandina-villaggioWeb

 

retro-locandina-web

 

Dalle ore 10:30 LABORATORI PER BAMBINI

-Costruzione di un villaggio con canne, pietre, teli, spago e argilla

-Laboratorio di cucina per bambini, preparazione delle pizze

-Ideazione e costruzione di storie

h.13:00 PRANZO PER TUTTI A BASE DI PIZZE

h.16:00 storie sotto l’albero

h.16:00 TAVOLA ROTONDA: LE ESPERIENZE DI EDUCAZIONE LIBERTARIA E PARENTALE IN PUGLIA

H.19:00 FESTA DEL VILLAGGIO

 

Per una pedagogia libertaria e digitale

Nel dibattito, Antonio Saccoccio e Filippo Trasatti intervengono sui temi della pedagogia libertaria, cucendo i vari lembi con il filo del discorso sull’interattività informatica e le sue potenzialità. Ancora una volta emerge l’urgenza di una presa di coscienza più ampia e profonda in merito ad una società che necessita di essere descolarizzata, anche con l’aiuto della rete se usata in maniera opportuna, se vuol cominciare a cambiare paradigma e direzione. Rimane come sempre, a mio parere, la questione della volontà da parte delle persone, la volontà di scegliere, di mutare, di togliersi di dosso la vecchia pelle, le sovrastrutture, le false ragioni del consueto, al fine di rendersi consapevoli che sotto questo involucro soffocante c’è un essere umano ancora integro che ha urgente bisogno di riemergere, di rompere la scorza dell’artificio per emanciparsi. Tolti i dogmi, si dia spazio alla vita. Buona visione.

http://ltaonline.wordpress.com/2014/05/07/parliamone-per-una-pedagogia-libertaria-e-digitale-il-video-completo/

naturalMENTE invita Liber’Aria a presentarsi alla cittadinanza di Monopoli

Continuano gli appuntamenti settimanali in compagnia di “naturalMENTE” presso la saletta teatrale della Chiesa del Sacro Cuore a Monopoli [BA] in via Fiume alle ore 20:30.
“naturalMENTE” è la campagna di sensibilizzazione, informazione ed educazione ambientale […e non solo] organizzata da cittadini accomunati da uno spirito di profondo rispetto verso l’ambiente che con tenacia, fantasia e creatività si impegnano per tenere alta l’attenzione sulle emergenze ambientali del nostro Pianeta, invitando la gente a condurre un sano stile di vita in armonia con tutto quello che ci circonda.

A costo Zero per chi partecipa e profitto Zero per chi organizza! …e Zero dovrebbe essere l’impatto di ciascuno sull’ecosistema.

Una serata di incontro, aggregazione, riflessione, scambio di idee ed esperienze per chi si riconosce negli ideali ambientalisti.

Mercoledì 7 Maggio “naturalMENTE” affronterà il tema dell’educazione. Saranno con noi i ragazzi di Liber’Aria di Conversano: un’esperienza concreta di educazione autogestita.

A fine serata sarà possibile degustare le prelibatezze culinarie, possibilmente in linea vegana o vegetariana, cortesemente offerte da chi sarà disposto a prepararle e condividerle con tutti i partecipanti. Ricordiamo pertanto, a chiunque voglia prender parte al banchetto, di portare con se un piatto, un bicchiere e delle posate, così eviteremo di utilizzare quelle di plastica e di produrre rifiuti. Vi ringraziamo per la collaborazione!

“Ama e rispetta te stesso,
ama e rispetta il prossimo,
ama e rispetta la Madre Terra!

…semplicemente Ama e Rispetta!”